Giacomo Gusmini

Sono stato seduto composto in diverse aule universitarie, per la maggior parte del tempo a Bergamo, un annetto anche in Germania. A volte ho preso appunti, mi hanno consegnato dei fogli bianchi e li ho riempiti, li hanno letti, ci hanno scritto sopra dei voti e alla fine ho ricevuto un pezzo di carta un po’ più grande; non so dire se mi sarà utile ma almeno mi ha dato un motivo socialmente accettato per bere Braulio irresponsabilmente, almeno per una sera. Follemente innamorato delle Prealpi orobiche dove sono cresciuto e tornato a vivere dopo l'università, quando non lavoro di solito faccio cose non indispensabili allo sforzo produttivo del paese, come andare in montagna e studiare macroeconomia, ma niente di serio.

Lo scandalo che ha travolto il governo Rutte mostra l’ipocrisia dei “frugali”

Bizzarro come in pochi mesi l’uomo a capo di una piccola nazione possa passare...

Come l’austerità alimenta la xenofobia: il caso della Grecia

Secondo una lunga schiera di economisti ortodossi affermare che scelte di politica economica possano...

Esiste un’identità tedesca? Radici e contraddizioni di un popolo

Puntualmente, ogni autunno le principali testate giornalistiche celebrano festanti le ricorrenze della caduta del...